Involtini di costardelle

Involtini di pesce azzurro con mollica e spezie blog @vicaincucina

Gli involtini di costardelle sono involtini ripieni di mollica, finocchietto selvatico, curry, zenzero e peperoncino e vengono accompagnati con anelli di cipolla marinata in aceto di vino rosso, è un’usanza tradizionale messinese.

DESCRIZIONE: La costardella è un pesce azzurro di piccola taglia, dal corpo lungo e affusolato che termina con un becco appuntito, il suo corpo presenta riflessi di colore blu argentei ed è ricoperto da piccole squame quasi invisibili.


Può essere cucinata in tutti i modi: fritta, arrosto, bollita, a brodetto, a cotolette, a braciole, alla pizzaiola, ecc., ed è gustosissima anche sotto sale.

📝 INGREDIENTI, DOSI E TEMPI DI PREPARAZIONE:


🍴 Dosi 🕓 Preparazione 🕓 Cottura
2-3 20 min 25 min

  • 18 costardelle
  • circa 200 g mollica di pane fresco (pangrattato/ pancarré)
  • un mazzetto di finocchietto selvatico
  • peperoncino (a volontà)
  • 1 cucchiaino quasi pieno di curry in polvere
  • 1 cucchiaino rasato di zenzero
  • olio extravergine di oliva DOP (circa 6 cucchiai)
  • buccia di limone (solo la parte gialla, poca per insaporire)
  • sale (quanto basta)

🌿 STAGIONE (costardelle): GIU LUG AGO

Ingredienti involtini di costardelle blog @vicaincucina

PROCEDIMENTO:

Priva le costardelle della testa e coda, tagliandola fino alla parte inferiore e staccando la testa con le mani. Partendo dalla coda, incidi il ventre e togli le interiora.

Aprendo le costardelle a libro elimina la spina centrale. Lavale sotto il getto dell’acqua corrente facendo attenzione a non danneggiare le costardelle; tamponale con della carta assorbente da cucina. Arrangia le costardelle una accanto all’altra sul piano di lavoro.

Come pulire le costardelle blog @vicaincucina

Dentro una ciotola amalgama la mollica del pane grattugiata con: olio, sale, peperoncino, curry, zenzero, finocchieto selvatico tritato finemente e buccia di limone grattugiata.

Sistema un po’ di ripieno (circa un cucchiaino colmo) sulla costardella apperta a libbro) e avvolgila fino a formare un involtino. Ferma l’involtini uno ad uno su uno stecchino, 5 o 6 involtini per stecchino e continua così fino ad esaurire gli ingredienti.

Ripieno involtini di pesce. Come aprire le costardelle a libro e fare degli involtini blog @vicaincucina

Sistema gli stecchi di involtini dentro una teglia antiaderente o in alluminio con qualche goccia di olio extravergine sotto e sopra gli involtini e fai cuocere per 20 minuti nel forno preriscaldato a 180°C.

Tempo cottura costardelle al forno blog @vicaincucina

Nel frattempo fai marinare la cipolla: tagliala ad anelli e lasciala marinare nel aceto di vino rosso per 20 minuti.

Come marinare la cipolla con aceto blog @vicaincucina

Impiatta gli involtini decorando con finocchietto selvatico e servendo con degli anelli di cipolla marinata (che avrai sgocciolato e tamponato con carta da cucina).

Cucina questa ricetta, scatta una foto e caricala QUI, cliccando su “Aggiungi foto o nota”, oppure caricala su instagram tagando @vicaincucina.

Involtini di costardelle con cipolla marinata ricetta blog @vicaincucina

CURIOSITÀ:

Pesca di costardelle blog @vicaincucinaLa pesca delle costardelle è caratteristica dello stretto di Messina, dove si cala una rete a piccole maglie detta raustina, che circonda un tratto di mare e intrappola i pesci, che non possono sfuggire così alla cattura, ma si possono pescare anche in tutto il mare Ionio. Il legame affettivo fra messinesi e costardelle deve risalire a molto tempo fa in quanto la pesca che se ne fa ha chiare origini arabe, se non ancora più lontane.


Non c’è messinese vero che durante l’estate non abbia l’irrefrenabile voglia di farsi, almeno una volta, una gran mangiata di costardelle fritte, senza farina, accompagnate preferibilmente con cipolle a bagno nell’aceto. E di questa voglia se ne sono accorti anche gli estranei, tanto è vero che spesso arrivano in città ingannevoli costardelle forestiere, persino spagnole, che hanno il prezzo accettabile ma odore e sapore molto più modesti. Per chissà quanto tempo la costardella ha costituito un utile sostentamento per le popolazioni dell’area dello Stretto.


✉ RICETTE VIA E-MAIL: È UN SERVIZIO GRATUITO E PUOI CANCELLARTI DALLA RICEZIONE IN OGNI MOMENTO:

Scrivi un commento:

 

VISUALIZZAZIONI 9.936